Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Aperte le iscrizione per il Campo scuola di archeologia a San Salvo

Iniziativa promossa dall'associazione Parsifal e dal Comune per il secondo anno consecutivo

a cura della redazione
Condividi su:

Torna, per il secondo anno consecutivo, il Campo scuola di archeologia a San Salvo, promosso dall’associazione Parsifal di Vasto e dal Comune di San Salvo, con l'autorizzazione del ministero dei Beni culturali, allo scopo di far conoscere e valorizzare i luoghi della storia che si trovano nel centro cittadino.

Una settimana alle prese con piccone, zappe, pennello, macchina fotografica e schedari alla scoperta di reperti per ricostruire il passato. Le attività si svolgeranno nella Villa Romana di via San Rocco e nel Parco archeologico del Quadrilatero. La mattina i partecipanti saranno impegnati in attività di scavo vere e proprie, mentre nel pomeriggio ci saranno laboratori per pulire, schedare e documentare tutti i reperti rinvenuti e per capire a che età appartengono. A tal fine, all’inizio del campo, gli organizzatori terranno una lezione sulla stratificazione per fornire le nozioni utili all’individuazione dei periodi.

Il campo è aperto a tutti, adulti, ragazzi e bambini, l’unico limite è che i partecipanti abbiano terminato la terza elementare. Ovviamente, spiegano i responsabili dell’associazione, i moduli di lavoro vengono strutturati con linguaggi diversi a seconda delle età. Ogni campo dura una settimana, ma c’è la possibilità di farne una seconda dove sarà proposto un ulteriore step nella tipologia e difficltà di lavoro. Le attività si svolgeranno nei mesi di giugno, luglio e settembre. Le iscrizioni sono aperte fino al primo giugno (info 389 1812311 – csaparsifal@libero.it)

Quella di quest’anno è la seconda edizione, l’anno passato hanno partecipato 20 ragazzi, tra studenti della seconda e terza media, quarto e quinto superiori e dell’università. Quest’anno ci sono già state manifestazioni d’interesse, spiega Katia Di Penta della Parsifal: «In diversi hanno scaricato il modulo d’iscrizione e ce lo hanno inviato, ma non hanno ancora pagato la quota». L’idea di un campo archeologico è nata ripensando a esperienze simili avvenute in passato: «Tempo fa degli studenti universitari di archeologia avevano condotto degli scavi nella cella monostica di San Vito al Trigno; poi nel 2007 un gruppo di Americani che non erano archeologici era stato a San Salvo per attività simili. Da queste esperienze l’idea di proporre un campo di archeologia che non fosse rivolto solo a esperti del settore ma anche ad appassionati». Così è nata la collaborazione tra il Comune e il direttore scientifico di Parsifal, Davide Aquilano.
«È stato elaborato un progetto e presentato al ministero dei Beni culturali. Delle proposte fatte al ministero la nostra è stata l’unica approvata», precisa Di Penta.

Domani, durante gli incontri alla Porta della Terra, in occasione della Settimana della cultura l'iniziativa sarà illustrata alla popolazione.

Condividi su:

Seguici su Facebook