Concerto 'a la carte' con l’orchestra Fuori Tempo

Un piccolo/grande Erasmus della musica per due orchestre giovanili

| di Ines Montanaro
| Categoria: Cultura
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

In una cornice che più bella non si poteva desiderare, sono venuti a farci visita – portando in dono la loro musica alla Madonna di Fatima di San Salvo Marina – e a tutto il numeroso pubblico presente, i giovani strumentisti dell’orchestra del Trentino Musica fuori tempo che, insieme a quelli della nostra sansalvese Musica... in crescendo, stanno trasformando queste serate estive in una serie di appuntamenti indimenticabili. Le vetrate della Chiesetta erano illuminate a festa, che, il buio tenero della notte di mezza estate, smorzava appena per creare l’atmosfera di una fiaba. Gli uditori erano disposti con uno spirito di raccoglimento da far sembrare rumoroso persino il proprio respiro.

La disposizione delle sedie sul prato circostante, è stata un idea felicissima: la musica, non è esclusiva dei teatri o dei luoghi chiusi; all’aperto, sull’erba, con lo sfondo della Chiesetta costruita dai pionieri della Contrada Stazione è stata un esperienza spirituale, oltre che un'intensa emozione.
Ha introdotto il parroco di San Salvo Marina don Mario Pagan, con una preghiera che ha ripreso da quel capolavoro di spiritualità mariana di don Tonino Bello che è Maria, donna dei nostri giorni, di cui riportiamo un passaggio: «Santa Maria, donna bellissima, attraverso te vogliamo ringraziare il Signore per il mistero della bellezza. Egli l’ha disseminata qua e là sulla terra, perché, lungo la strada, tenga deste, nel nostro cuore di viandanti, le nostalgie insopprimibili del cielo».

Il giovane maestro Massimiliano Rizzoli di Martignano (Tn), ha iniziato ringraziando la città tutta per l’accoglienza e la cordialità di cui tutti sono stati oggetto. Erano presenti: il presidente del consiglio comunale Eugenio Spadano, l’assessore alla Cultura Giovanni Artese e la dirigente dell’Istituto Comprensivo 2 Anna Orsatti e, naturalmente, alcuni organizzatori che si sono spesi per la buona riuscita di questo piccolo/grande Progetto Erasmus musicale tra San Salvo e il Trentino, tra cui: l’insegnante di musica Maria Aurelia Del Casale, Patrizia D’Andreomatteo, Tiziano Cardone e Maria Teresa Antonini.

Il maestro Rizzoli, con le sue evidenti doti di comunicatore non solo musicale, ma anche umane, ha presentato il menu della serata: un repertorio – che ha definito – a la carte. In pratica, ha chiesto ai presenti di suggerire delle emozioni che gli strumentisti avrebbero trasformate in note. Il primo suggerimento/emozione è stato: 'eternamente' cui è seguito un brano che, con la sua melodia ha scalato il cielo, seguita da l’emozione 'energia', cui l’orchestra ha risposto con un classico del ritmo latino americano dal nome Tico tico che, molti di noi ancora canticchiano. A seguire, lui stesso, ha proposto l’emozione de 'l’avventura', musicalmente espressa con diversi brani di musica Kletzmer (la musica ibrida nata dal connubio tra Ebrei della diaspora con quella tipicamente tzigana dei paesi dell’Est Europa.

Per l’emozione 'danza' invece, ci ha offerto uno dei brani più suggestivi del grande Brahms: la danza ungherese n. 5. A seguire, ancora brani di Brahms e Vivaldi. Non è mancato, alla fine, un pezzo di virtuosismo strumentale di due giovani al clarinetto dal titolo: Toy Story.

Diversi membri di questo stesso gruppo sono reduci da un’esperienza intensa vissuta nell’ambito di un progetto interreligioso che ha visto uniti giovani delle tre grandi religioni monoteistiche e, persino i Drusi, vissuto nel kibbutz israeliano 'Sasa' a Maalot in Alta Galilea. Un progetto italo-israeliano dal nome Tu cresci con la musica, in unione con la locale Associazione Bereshit la Shalom.

Nel filmato - proiettato tra un brano e l’altro - era riconoscibile padre Pietro Kaswalder, un grande studioso altoatesino di Geografia biblica - recentemente scomparso - di cui, con il maestro Rizzoli, abbiamo condiviso dei ricordi personali.
Oltre la musica e le splendide esecuzioni, abbiamo ammirato la dedizione del Maestro Rizzoli (padre di 6 figli) che riesce a tenere uniti con amore e autorevolezza i ragazzi, di cui conosce: la pedagogia, l’approccio paterno, i linguaggi, il respiro, altro. L’anima nascosta di questo ensemble è l’economo Fausto D’Auriz che risolve tutto ciò che c’è da risolvere oltre la musica.

Il nome di Orchestra fuori tempo è stato dato per via dell’esordio fuori tempo, cioè, quando sembrava tardi per mettere insieme dei giovani musicisti dalle file ormai esauste dell’oratorio parrocchiale e, giustamente, agli inizi anche ritmicamente parlando, erano fuori tempo. Le magliette arancione che indossano non sono di simpatizzanti Zen, come qualcuno ha potuto pensare ma, il dono di uno sponsor.

La musica è sempre stata definita 'linguaggio universale', in altre parole - un linguaggio più che una lingua, comprensibile a tutti - che non conosce: frontiere, idiomi, razze, culture e religioni. Ci si interroga però, da dove nasce questa comprensibilità che unisce, affratella e ci rende..vasi comunicanti.

Universale deriva da universo, quell'alveo immenso che ci contiene e ci mette in relazione non solo con gli altri, ma con tutte le realtà di cui, esso, è sconfinato 'contenitore' in evoluzione. L’universo ha le sue leggi matematiche e scientifiche, i suoi colori, la sua vita i suoi suoni. Impensabile un universo che non abbia 'armonie sonore' soprattutto sconosciute. Con questo concerto ne abbiamo captate e interiorizzate solo una parte infinitesimale.

Il Maestro Rizzoli ci fa anche dono di alcuni suoi aforismi: «si suona non per se stessi ma per donare agli altri» e ancora: «la musica migliora in primis chi la interpreta creando in lui risonanze inedite e spunti per il divenire».

Il nostro ringraziamento, a tutti i giovani artisti ospiti e a quelli locali, lo esprimiamo con il glossario degli 'andamenti' musicali - che sono in italiano per convenzione mondiale - e, dunque, validi anche per la nostra città di San Salvo e questa meravigliosa iniziativa: adagio, andante, moderato, allegretto, allegro, vivo... con fuoco.

Cari ragazzi questa serata e le altre, sono state e continueranno ad essere per noi tutti, una bella “rapsodia” ..oltre il tempo, ..in crescendo che non vi farà dimenticare.

FOTO DI INES MONTANARO
RIPRESE E MONTAGGIO DI MARCO SCIULLO

Ines Montanaro

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK