Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Un altro successo per 'Ragazzi in corsa'

Oltre 250 ragazzi dalle scuole di Abruzzo e Molise

a cura della redazione
Condividi su:

Anche quest'anno l'evento Ragazzi in corsa, organizzato per il quinto anno consecutivo dalla BCC della Valle del Trigno in collaborazione con l'Asd Podistica San Salvo e Avis San Salvo, è stato un grande successo.

È stata infatti una mattinata all'insegna dell'impegno, dell'emozione e del sano agonismo per i 250 ragazzi appartenenti a diverse scuole medie di Abruzzo e Molise che hanno gareggiato sabato mattina nella pista di atletica leggera di San Salvo. I ragazzi delle scuole si sono sfidati con grande passione sotto gli occhi di un vasto pubblico di insegnanti, genitori, sportivi e cittadini. Presenti all'evento anche alcune associazioni di ragazzi disabili del territorio che hanno arricchito di significato la mattinata di sport.

Sei le categorie: prima,seconda, terza, maschile e femminile. I primi tre classificati delle 6 diverse categorie sono stati premiati da Nicola Valentini, presidente della BCC della Valle del Trigno, Franco Rongoni, presidente Avis di San Salvo e Angiolino Chiacchia, Vicesindaco di San Salvo. Il coordinamento tecnico della gara è stato affidato alla podistica San Salvo.

I ragazzi hanno atteso l'arrivo di Annalisa Minetti che con la sua eccezionale energia ha incitato i giovani a credere in se stessi, a seguire i propri sogni, a non arrendersi davanti alle difficoltà. Ha poi esortato i ragazzi a non avere paura della diversità perchè è nella valorizzazione delle differenze che si può diventare speciali e riuscire, così, a superare il dolore della disabilità.

Tra i vincitori, ragazzi delle scuole di San Salvo, Vasto, Cupello, Casalbordino, Montenero di Bisaccia, Mafalda, Fresagrandinaria, Castelmauro.

Seguono i nomi dei vincitori:

Prima media-maschile: 1°classificato Francesco Galante (Scuola media di Casalbordino), 2° classificato Daniele Santovito (Scuola media Rossetti di Vasto), 3° classificato Manuel Faienza (Scuola media di Mafalda).

Seconda media-maschile: 1°classificato Giuseppe Minervino (Scuola media di San Salvo), 2° classificato Samuel Marchetti (Scuola media di Casalbordino), 3° classificato Giovanni Altieri (Scuola media di Fresagrandinaria).

Terza media-maschile: 1°classificato Mirco D'Amario (Scuola media Casalbordino), 2° classificato Antonio Di Tullio (Scuola media Cupello), 3° classificato Valerio Marchetti (Scuola media Casalbordino).

Fuori età: 1°classificato Kong Suho (Scuola media di Castelmauro), 2° classificato Hamctovic Diego (Scuola media di Fresagrandinaria), 3° classificato Juri Di Francesco (Scuola media Casalbordino).

Prima media-femminile: 1°classificata Nicla Angelone (Scuola media di San Salvo), 2° classificata Asia Vicoli (Scuola media di San Salvo), 3° classificata Elena Danila (Scuola media di San Salvo).

Seconda media-femminile: 1°classificata Federica Perrina (Scuola media di San Salvo), 2° classificata Giulia D'Addiego (Scuola media di Cupello), 3° classificata Francesca Grignoli (Scuola media di San Salvo).

Terza media-femminile: 1°classificata Claudia Daniele (Scuola media di San Salvo), 2° classificata Ambra Dottore (Scuola media di Montenero di Bisaccia), 3° classificata Francesca Marchesani (Scuola media di Vasto).

IL CONVEGNO - Ricco di emozioni il convegno di venerdì scorso Lo sport oltre la disabilità. La campionessa paralimpica Annalisa Minetti ha saputo coinvolgere il folto pubblico e i tanti bambini presenti nella sala dell Bcc Valle del Trigno portando la propria testimonianza di vita sportiva e non solo. «Sapevo di essere forte e non poteva essere una causa esterna a modificare la mia vita. Mi chiamano atleta non vedente, cantante non vedente, mamma non vedente. Ma io vedo più di tante altre persone. Chi stabilisce che sono più o meno normale di qualcun’altro?», ha detto rivolgendosi alla platea. Poi un sogno nel cassetto: «il giorno più bello sarà quando ci saranno persone che faranno sport senza sezioni paralimpiche, ma semplicemente ci saranno uguali opportunità per tutti».

Condividi su:

Seguici su Facebook