Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Conosciamo meglio la podistica San Salvo: Erminio Cardarella, il dottore della porta accanto

Ultimo appuntamento della rubrica

Condividi su:

É senza alcun dubbio l'atleta della Podistica San Salvo più conosciuto in città, vista la professione medica e i suoi trascorsi in politica e nel calcio. Pochi però sanno che il dott. Erminio Cardarella quando si toglie il camice da dottore e indossa le scarpette da runners si trasforma radicalmente, mettendo in risalto il suo stile molto naïf.

Quando capita di stare vicino a lui negli allenamenti mattutini non è raro sentirlo cantare i suoi brani preferiti degli anni '60: spazia dai Dik Dik ai Camaleonti, dall'Equipe '84 ai Nomadi; epica è la sua interpretazione di Vagabondo (per la verità accompagnato dall'altra voce raffinata del gruppo, ovvero quella di Remo Fabrizio) eseguita in molte occasioni di feste della Podistica San Salvo.

È sempre alla ricerca disperata di quel successo che possa rendergli giustizia, in quanto è cosciente di essere il più forte della Podistica San Salvo. Il suo essere naïf lo ha estrinsecato anche in questa intervista, nella quale, in barba alle precise domande rivoltegli, ha risposto testualmente nel seguente modo: «Pur avendo praticato sport da ragazzino (calcio tanto per cambiare), ho di molto rallentato l'attività sportiva all'inizio della mia professione. Al compimento del 40* anno ero un po' sovrappesuccio e continuavo a fumacchiare MS; aggiungasi un po' di dispnea quando salivo ai piani alti delle persone malate. "È ora di cambiare vita" mi sono detto. E... detto,fatto! Un bel primo di gennaio ho buttato le sigarette, ho messo 3 kg fino al 1* maggio successivo e poi ho iniziato a correre al mare prima, verso Montalfano dopo col dr. Romano e successivamente mi sono iscritto alla podistica. Oggi penso di essere uno dei più forti della podistica di San Salvo!!!».

Condividi su:

Seguici su Facebook