Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Viva San Vitale. Una festa speciale

Una processione interminabile, 6 quintali di farina per le 'sagnitelle', 9.000 porcellati, concerto di Fiordaliso

Condividi su:

I Salvanesi  hanno sempre avuto una profonda  devozione per il Santo  protettore  San Vitale.

Nel 409, Galla Placidia, figlia dell’ imperatore Teodosio,  si trasferì da Milano a Ravenna e portò con sé le reliquie di San Vitale (traslate 16 anni prima da Bologna a Milano da Ambrogio e dai santi Gervasio e Protasio. Una commissione di notabili sansalvesi si recò a Roma il 20 dicembre 1745 per prelevare le reliquie di San Vitale  donate dal cardinale Pier Luigi Carafa. L’urna fregiata  dalla armi gentilizie del cardinale arrivò a San Salvo verso mezzanotte.  Fu accolta da un tripudio di ovazioni. La gente per riscaldarsi dal freddo,  accese una grande falò  (Lu fòche de San Tumàsse ). 

Per onorare il Santo guerriero ,  la parrocchia di San Giuseppe ha organizzato celebrazioni solenne.  

Il parroco don Raimondo e i “magnifici 26” hanno fatto cose egregie.

Negli anni precedenti , non si erano mai verificate tante richieste per la partecipazione  al comitato festeggiamenti.  Infatti hanno aderito con entusiasmo 26 persone. 

La festa di San Vitale è stata molto impegnativa.

Un enorme  lavoro per la preparazione e distribuzione  delle “sagnitelle “ e dei “porcellati”.  

Sono stati  confezionati circa 9000 “porcellati” , mentre per la preparazione delle “sagnitelle”  sono occorsi sette quintali di farina.  28 aprile:  la Santa Messa,  la processione affollata e interminabile, i fuochi pirotecnici ed il concerto di Fiordaliso.

Una grande festa per  un grande Santo ! 

San Vitale, aiutaci a superare la crisi!

W San Vitale !

 

Condividi su:

Seguici su Facebook