Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

San Vitale 2018.."LE SAGNITELLE"

Le bellissime immagini di Simone Colameo

Condividi su:

È questa una tradizione legata alla festa patronale del 28 aprile ma che si svolge in linea generale nella giornata di sabato della settimana precedente.

Nel frattempo che alcuni preparano “il pranzo”, ci sarà la sfilata dei trattori addobbati a festa per trasportare le some di San Vitale, dei sacchi carichi di grano che verrà benedetto e macinato.

La sfilata partirà quest'anno da Via Tobagi, per poi passare per via Grasceta, via Istonia e via Duca Degli Abruzzi. Si passa poi a Corso Garibaldi, Piazza San Vitale, Via della Chiesa, via Fontana, Corso Umberto I.

Si ritorna su via Roma per procedere nuoamente su via Istonia, via dello Stadio, Vva San Rocco, via Madonna delle Grazie, via Trignina fino ad arrivare al Mulino di via Gargheta. Le “sagnitell” è una pasta che oggi viene impastata con un’apposita macchina ma la lavorazione successiva è prettamente manuale, proprio come quella delle nostre nonne che “facevano la pasta in casa”. Le mani, come allora restano, sono le principali protagoniste nell’arte di stendere la sfoglia e tagliare la pasta. Una pasta che presenta delle rugosità che sapranno valorizzare il sugo che alcuni volontari prepareranno domani mattina di buon ora. Altri volontari continueranno il lavoro della preparazione delle sagnitelle fino all’ora in cui sarà dato lo stop al taglio delle sagnitelle per dare luogo alla cottura, al condimento e alla loro distribuzione prevista per le ore 12 in Piazza Artese dopo la benedizione da parte di don Raimondo Artese. Ci sarà un’area attrezzata per la consumazione sul posto. Chi vorrà potrà prenderle e gustarsele a casa. Fino ad oggi non è mai stato previsto un costo per il piatto e/o scodella di pasta. Molto probabilmente anche questa volta i volontari che prepareranno il sugo, metterà a bollire l’acqua e gli altri servitori saranno gli ultimi a mangiare. Perché come diceva Silvano Morgano qualche anno fa: «siamo servi inutili» e questo per scelta in onore del santo patrono San Vitale. E chissà se quest’anno resterà qualche volontario in più per ripulire il tutto quando tutto sarà finito. E tutti si augurano che quest’anno non ci siano dei fatti di cronaca che andranno a rovinare tanta bellezza!

Condividi su:

Seguici su Facebook