Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Prestiti all’1% per le microimprese

27 aprile, primo giorno utile per partecipare al bando del microcredito

Condividi su:

La Regione Abruzzo, nell’ambito del Programma operativo regionale - FSE 2007/2013, ha istituito il Fondo Microcredito FSE per microimprese e lavoratori autonomi e professionisti.

Il bando prevede la concessione di un prestito all’1% di interesse per una durata di 60 mesi (incluso il periodo di preammortamento di sei mesi a tasso zero). Le spese di istruttoria sono gratuite. È previsto il rimborso in rate costanti posticipate mensili.
Le domande di ammissione vanno inoltrate ad Abruzzo Sviluppo dal 27 aprile 2015 all'8 maggio 2015. Il finanziamento è concesso con modalità a sportello, sulla base dell’ordine di invio delle domande presso Abruzzo Sviluppo, previa istruttoria di ammissibilità e valutazione.

Questi fondi sono volti alla concessione di finanziamenti per sostenere la microimprenditorialità locale e il lavoro autonomo finanziando l’avvio di nuove attività economiche (Tipologia A), ovvero la realizzazione di nuovi investimenti e/o il consolidamento della attività imprenditoriale nell’ambito di iniziative già esistenti (Tipologia B).

I beneficiari di questi fondi sono: le microimprese (con la forma giuridica di ditta individuale, di società di persone, società cooperative) e i lavoratori autonomi o liberi professionisti.

Le ditte individuali, i lavoratori autonomi, e i liberi professionisti potranno chiedere un prestito da 5mila a 10mila euro.  Le persone giuridiche (società di persone e società cooperative) potranno ottenere prestiti da 10mila a 25mila euro.

Le categorie di spese ammissibili al finanziamento sono: le spese di funzionamento e di gestione, le spese per consulenze specialistiche inerenti il programma proposto; le spese per investimenti fissi, limitatamente a macchinari, impianti, software, attrezzature generiche, scorte di magazzino, mezzi mobili, opere murarie per adeguamento e messa a norma dei locali, direttamente connessi all'attività. È inammissibile l’acquisto di autovetture/automezzi ad uso promiscuo.

In caso di ritardato pagamento, si applica al destinatario un interesse di mora pari al tasso legale. Le agevolazioni verranno concesse nel rispetto della regola comunitaria del de minimis.

Condividi su:

Seguici su Facebook