Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

San Giuseppe

il santo del silenzio e delle opere

Condividi su:

Innumerevoli sono le opere artistiche ispirate a San Giuseppe, ma di queste ben poche gli fanno onore. Nella maggior parte dei casi viene rappresentato come un vecchio. Quasi a dire che a quei tempi solo un vecchio poteva accettare di sposare una donna già incinta. Con grande probabilità non era così: Maria e Giuseppe erano dei giovani promessi sposi prima che questa restasse incinta per opera dello spirito santo.

Egli è il più grande dei Santi che la Chiesa veneri dopo Maria SS.  Sembra  che gli Evangelisti si siano messi d’accordo nel non tramandare nessuna parola di Giuseppe, parlano di lui più volte, ma non esce mai dalla sua bocca una parola. Né si hanno di lui memorie scritte da storici; della santità di lui si hanno le più belle testimonianze nella Sacra Scrittura.

Il costante silenzio di Giuseppe, nella sua disarmante semplicità è più eloquente di qualsiasi parola, così carica spesso di tanta verbosità, ma vuota di importanza e di significato. In Giuseppe, sempre così zitto, risuona sempre la totale fiducia in Dio.

Nel momento in cui Maria si trovò incinta per opera dello Spirito Santo, ella era promessa sposa di Giuseppe. A quei tempi il matrimonio tra i giudei si realizzava in due tappe. La promessa era  un contratto legale perfetto: la donna promessa in sposa era sposa nel senso pieno e poteva ricevere il libello di ripudio, e in caso di morte era una vera vedova. Compiuto questo compromesso matrimoniale, i promessi sposi rimanevano nelle rispettive famiglie per il tempo necessario per i preparativi della nuova casa e dell'arredo familiare.

Giuseppe, uomo giusto che non ha mai dubitato dell'integrità di Maria; non voleva ripudiarla, così decise di licenziarla in segreto. Ma poi un sogno gli rivelò la natura divina del nascituro ed egli diventò parte cruciale di quel progetto d’amore che Dio aveva per l’umanità.

I quattro vangeli narrano la cieca fiducia di Giuseppe in Dio in ogni circostanza anche quelle più tristi: la difficoltà di trovare una locanda per far nascere Gesù, la fuga in Egitto, la perdita di Gesù nel tempio.

Egli è il padre ed il marito che sa leggere con realismo gli avvenimenti, è attento a ciò che lo circonda, e sa prendere le decisioni più sagge.

San Giuseppe risponde alla vocazione di Dio.

Condividi su:

Seguici su Facebook