Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

LA CURA DELLE RUGHE CON LA TOSSINA BOTULINICA E' UN TRATTAMENTO SICURO ?

Condividi su:

L’esistenza della tossina botulinica fu ipotizzata già dal 1895 e negli anni del secondo conflitto mondiale, in America, ci furono seri studi che permisero di determinare la precisa struttura, il suo funzionamento e il suo antidoto.
Il proseguimento della ricerca mise subito in evidenza il valore di questo farmaco, tanto che attualmente costituisce il miglior agente terapeutico nel trattamento clinico di una varietà di patologie umane caratterizzate da iperfunzione muscolare e di alcune ghiandole.
Vista l’efficacia di questo trattamento, tale pratica si è diffusa in modo esponenziale.
Le indagini scientifiche hanno messo in evidenza come la tossina botulinica sia in grado di bloccare il passaggio di acetilcolina (neurotrasmettitore che provoca sia la contrazione muscolare che la secrezione del sudore).
L’inibizione di questo passaggio da parte della tossina, usata per scopi terapeutici, è temporanea e la neurotrasmissione viene ben presto ripristinata. Il recupero funzionale è ben documentato nella pratica clinica.
Questo farmaco è utilizzato nel campo della neurologia, della fisiatria, dell’oculistica, della gastroenterologia e della urologia.
Ultimamente si ha un utilizzo anche in campo estetico, sulle rughe di espressione, dove la tossina botulinica viene somministrata a dosaggi decisamente inferiori rispetto a quelli utilizzati per i disturbi clinici, quindi possiamo affermare che falsi sono gli allarmi che spesso vengono divulgati a mezzo stampa da personaggi poco informati sulla materia.
In letteratura sono disponibili ampi studi sulla sicurezza e l’efficacia a lungo termine della tossina botulinica, utilizzata per problemi sia di natura clinica che estetica, pubblicati, in riviste scientifiche certificate, nel corso degli ultimi 30 anni.
I dati pubblicati dimostrano che questo farmaco ha un profilo di sicurezza eccellente e non si è mai verificato alcun aumento di eventi avversi, nemmeno in pazienti trattati a lungo termine; esso tuttavia deve essere somministrato da professionisti qualificati ed esperti, che abbiano ricevuto un training specifico e che siano in grado di valutare il trattamento più appropriato secondo le necessità e l’anatomia di ogni singolo caso.

 

Dott. Giuseppe Franco Della Pelle
Medico chirurgo
Scuola post-universitaria quadriennale di medicina ad indirizzo estetico - Agorà - Milano
Master in Medicina termale ad indirizzo estetico – Università di Chieti
Corso di perfezionamento in Medicina termale ad indirizzo estetico –Università di Chieti

 

Condividi su:

Seguici su Facebook