L'AZIONE DI RINALDO ALTIERI

| di Orazio di Stefano
| Categoria: Storia
STAMPA
Rinaldo Altieri è nato nel 1936 ed è morto nel 2002, a seguito di ictus celebrale. Giorni fa, a un anno dalla morte, parlando con un amico comune ci dicemmo che non ci sembrava che Rinaldo non ci fosse più tra di noi, attribuendo questa sensazione alla grande giovialità del personaggio e alla sua vitalità che rendono increduli ancora oggi tutti noi della sua scomparsa. Rinaldo è stato un uomo politico significativo per questa Città e lascia quindi un vuoto incolmabile, soprattutto nella comunità politica. Personalmente l'ho conosciuto, affiancato in alcune sue battaglie e sono stato suo collaboratore nella Amministrazione Civica: onestamente devo riconoscere che come Sindaco dava spazio ai suoi collaboratori, non li soffocava mai, anzi li spronava a lavorare. Io stesso non avrei fatto le cose che ho fatto al Comune se non avessi avuto lui come mio Sindaco. Rinaldo Altieri era Sposato con l'amata Rosella e padre di quattro figli adorava, di formazione cattolica ereditata dallo zio paterno omonimo e frate cappuccino; appartenente alla Famiglia Altieri, tra le più numerose e laboriose di S. Salvo, insegnante elementare per tutta la vita, scrittore e poeta, ha lasciato la sua determinante impronta in politica come: · SINDACO DEMOCRISTIANO DI SAN SALVO NEL 70 E NEL '83; · SINDACO DI UNA COALIZIONE P.C.I. -LISTA CIVICA NEL '89; · ASSESSORE CIVICO NEL '86; · CONSIGLIERE DI MINORANZA NEL '91, NEL '94 E NEL '98; · CANDIDATO AL PARLAMENTO NEL '92 SFIORANDO PER POCHI VOTI L'ELEZIONE A DEPUTATO LIBERALE; · ADERENTE E ANIMATORE DEL MOVIMENTO RIFORMATORE DI MARIO SEGNI, ALLA CADUTA DEI PARTITI CHE LUI STESSO AVEVA ANTICIPATO; · MEMBRO DEL COMITATO DI CONTROLLO DELLA REGIONE ABRUZZO; E nel corso di questa trentennale attività politica · Ha insegnato agli altri politici e soprattutto ai comunisti (con i quali da fuoriuscito democristiano ha amministrato alla fine degli anni ottanta) ad essere meno burberi, più aperti, meno formali e più elastici. Erano anni, quelli, in cui l'appartenenza politica era ancora ideologica, in cui gli uni non parlavano con gli altri e Rinaldo faceva politica con umiltà e parlando a tutti e con tutti; · Ha insegnato alle forze politiche a vedersi per i propri incontri davanti a un piatto di pasta e a un bicchiere di vino, perché le riunioni fatte nelle sale buie ed affumicate sono più complicate e riescono peggio; · Ha anticipato di dieci anni la crisi della D.C., che è scomparsa nel '94; · Ha anticipato la fine dei partiti tradizionali capeggiando un movimento civico nel '85, ossia ben otto anni prima della caduta della prima repubblica; · Si è candidato nel '98 candidato sindaco del polo delle libertà, indicando la strada dei moderati come lui nel sistema bipolare della seconda repubblica; · Ha trattato da amministratore pubblico allo stesso modo persone importanti e umili cittadini, anzi molti di questi ultimi si ritrovano una stanza in più proprio per la sua disponibilità, in un periodo in cui l'edilizia era bloccata e le lungaggini burocratiche rendevano inadottabili i P.R.G.; · E' stato il Sindaco del sorriso, dando l'immagine di un politico della gente e tra la gente che legava con tutti, non guardava le tessere, non discriminava nessuno, facendo della trasparenza il suo modus operandi; · E' stato il democratico per eccellenza a S. Salvo se per democrazia si intende ascoltare la gente; · Ha inaugurato un nuovo metodo di fare politica, distante dalle segrete stanza, lontano dagli interessi dei partiti, antitetico alle segreterie, ma molto spicciolo, diretto, popolare e a tratti personalistico. · Ha messo all'opposizione la D.C. quando questa era potente e vendicativa, dimostrando coraggio e temerarietà; · Ha affrontato il carcere e i processi penali derivati dalla propria attività politica con determinazione e dignità, perdonando poi i suoi ''carcerieri'' e venendo prosciolto ed assolto da ogni accusa; · Ha scritto dei libri,dimostrando fantasia e capacità letterarie; · Ha scritto poesie, dimostrando vena poetica ed artistica; · Ha insegnato per quarant'anni nelle scuole elementari, restando nella memoria di generazioni di scolari, oggi adulti, come maestro di vita e di rispetto e solidarietà per gli altri, valori che, probabilmente aveva coltivato nel seminario tra i frati cappuccini. Per tutte queste ragioni l'azione umana, amministrativa e politica di Rinaldo Altieri ha cambiato in meglio la storia della nostra Città.




Orazio di Stefano

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK