Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Consiglio regionale, in attesa dei dati delle circoscrizioni di Chieti e Pescara

Almeno un'altra settimana prima della sua formazione

a cura della redazione
Condividi su:

Almeno un'altra settimana per conoscere il nuovo consiglio regionale. L'ufficio centrale regionale della corte d'Appello dell'Aquila - a cui la Regione si è rimessa per la fromazione dell'assise - è ancora in attesa del riepilogo dei dati delle circoscrizioni di Chieti e Pescara. Finora sono arrivati solo quelli di Teramo e L'Aquila; quella di Chieti è la più grande per numero di seggi elettorali.

A sbrogliare l'intricata matassa dovrà pensarci - una volta in possesso di tutti i dati - la commissione elettorale composta da un magistrato presidente, due consiglieri di diritto (e due supplenti). I seggi saranno assegnati in base alla nuova legge elettorale regionale che, applicata per la prima volta, ha creato confusione e interpretazioni diverse.

Nell'attesa che si completi la raccolta dati, dalla Corte d'Appello non trapelano anticipazioni. Alla confusione generale hanno contribuito i ritardi del server intasato e le cifre inizialmente errate diffuse (pure se puramente con «valore divulgativo») dal sito ufficiale della Regione Abruzzo; la scelta di non affidarsi a quello della Prefettura avrebbe permesso un risparmio di circa 200mila euro.  

Sono tre i nodi rimasti da sciogliere: il seggio da attribuire a Sclocco o D’Ambrosio, quello di Abruzzo Futuro a Teramo o L’Aquila, e il balletto dei seggi tra opposizione e Movimento Cinque Stelle, se 7 a 5 (interpretazione che sembra più letterale) e 6 a 6, sarà solo la commissione elettorale che, ad oggi legittimamente, ancora non si riunisce alla corte d’Appello dell’Aquila. 

Nel Vastese in ballo restano Pietro Smargiassi (M5S) ed Etelwardo Sigismondi (Fratelli d'Italia).

Condividi su:

Seguici su Facebook