Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ombrina e Rospo Mare, il M5S invita alla mobilitazione

Domani sulle spiagge sansalvesi il flash mob

a cura della redazione
Condividi su:

Una grande catena umana che collegherà tutta la costa abruzzese da Martinsicuro a San Salvo. È il flash mob che si terrà domani alle 11.30 in riva al mare per dire no ai progetti petroliferi che coinvolgono le nostre coste. A organizzarlo è il Movimento 5 Stelle che ora chiama i cittadini alla mobilitazione. Domani mattina, anche a San Salvo attivisti e non solo scenderanno in spiaggia per dire 'No' a Ombrina Mare.

Non c'è però solo il progetto della Medoilgas a rappresentare un motivo di preoccupazione. È notizia di qualche giorno fa l'autorizzazione di tre nuovi pozzi nel tratto di mare antistante Vasto e San Salvo. Dalle spiagge sansalvesi saranno distanti circa 15 chilometri, quindi ben visibili. Rientrano tutti nella concessione Rospo Mare della Edison.
L'insediamento Edison ha avuto ribalta nazionale qualche giorno fa perché la nave Rainbow di Greenpeace si è avvicinata a una delle piattaforme esistenti esponendo striscioni e slogan.

«La vicenda Ombrina Mare 2 - spiega il M5S San Salvo - è ancora viva, oggi più che mai. Non solo, ma si prepara un assalto vero e proprio all’Abruzzo! Nonostante ci abbiano fatto credere che sarebbe stato bloccato il progetto Ombrina, in realtà è stato trovato uno stratagemma per allungare il brodo e per arrivare al dopo elezioni regionali (maggio 2014) attraverso l’inutile richiesta dell’Aia alla Medoilgas, da parte del ministero dell’Ambiente, con l’evidente scopo di prolungare la conclusione della vicenda a elezioni avvenute. Oggi la vera resistenza l’hanno condotta i cittadini con la propria partecipazione alle manifestazioni, alle osservazioni, ai dibattiti. Dobbiamo continuare a far sentire forte e chiara la nostra voce!».

Condividi su:

Seguici su Facebook