Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Primi incontri del comitato Proributtini con le istituzioni

Si è parlato di toponomastica, parco giochi e illuminazione pubblica

Condividi su:

La settimana scorsa il presidente del comitato apolitico ProributtiniGiovanni Augelli, ha incontrato il sindaco Manuele Marcovecchio per cercare delle soluzioni a quelle problematiche che hanno fatto sorgere la necessità della costituzione di questo comitato.

Innanzitutto, in merito alla mancanza di una toponomastica in grado di far individuare agevolmente, nei confronti dei terzi, un'abitazione, si è deciso che le varie strade della contrada verranno chiamate traverse 1, 2 e via di seguito. Non si sono attribuiti dei nomi per non perdere la denominazione di Ributtini. Ci saranno delle legende nei vai incroci per segnalare i numeri presenti in quella via. Salvo una duplicazione di numeri, questi non cambieranno.

Si è passati poi all'individuazione di una zona dove fare un parco giochi per i bambini. È stata scelta la zona di fronte al bar che si deve aprire nella traversa della torre. Questo parco verrà finanziato in parte dal Comune, in parte dai proprietari del bar e in parte in economia grazie ai professionisti del luogo.
L'amministrazione, inoltre, su richiesta del presidente, contatterà l'autolinea Boschetti per introdurre delle fermate per arrivare almeno alla 167.

Il comitato ha chiesto un'estensione dell'illuminazione pubblica per coprire le zone ora sprovviste. Questo sarà oggetto di valutazione cercando una modalità di finanziamento.

Camillo D’Amico ha invitato il comitato Proributtini, insieme ad altre associazioni del territorio, a partecipare alla manifestazione che si terrà nella sala consiliare del Comune Settimana Europea per riduzione dei rifiuti, sulla problematica del riciclo. In tale occasione si presenteranno piatti fatti con gli avanzi e ci sarà una sorta di baratto: un oggetto che non usa più o che non è più di gradimento anziché essere buttato verrà posto a disposizione.

Condividi su:

Seguici su Facebook