Compatibilità ambientale per 4 nuovi pozzi petroliferi tra San Salvo e Vasto Marina

Il Forum Acqua: «enti facciano ricorso, i cittadini si mobilitino»

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Quattro nuovi pozzi della Edison per la piattaforma Rospo Mare tra San Salvo e Vasto Marina, a sole 11 miglia dalla costa. Il ministero dell'Ambiente ha rilasciato il decreto di compatibilità ambientale per i quattro nuovi insediamenti il 15 aprile scorso.

La notizia è stata diffusa oggi dal Forum Abruzzese dei Movimenti per l’Acqua che attacca duramente la scelta del ministero di concedere la compatibilità ambientale:

«Il mare Adriatico grazie al governo Renzi è ormai in balia dei petrolieri. Il 15 aprile scorso è stato firmato dai ministri dell'Ambiente e dei Beni culturali il parere di compatibilità ambientale V.I.A.-A.I.A. (Valutazione di Impatto Ambientale – Autorizzazione Integrata Ambientale) per 4 nuovi pozzi della Edison per la piattaforma Rospo Mare, 11 miglia a largo di Vasto.

Questa decisione la dice lunga sulle intenzioni del Governo Renzi di regalare ai petrolieri il futuro del mare Adriatico a scapito degli interessi dei cittadini e dell'economia locale. I pozzi di Edison dovrebbero funzionare per ben 25 anni, come quelli di Ombrina. Tra l'altro le operazioni avvengono a controllo remoto senza creare un solo nuovo posto di lavoro a beneficio esclusivo della Edison, l'azienda coinvolta nelle bonifiche a Bussi che restano al palo grazie ai continui e vittoriosi ricorsi nei tribunali da parte dell'azienda.
In queste settimane il ministero dell'ambiente ha dato o si accinge a dare il proprio parere positivo ad una decina di nuovi pozzi destinati alla ricerca o all'estrazione di petrolio, tutti all'interno delle 12 miglia.

Riepilogando:
Elsa2, società Petroceltic, un pozzo esplorativo a 7 km dalla spiaggia di Lido Riccio ad Ortona (parere positivo della Commissione V.I.A. a marzo 2015, in attesa del Decreto);
Ombrina mare, società Rockhopper, 4-6 pozzi di estrazione a 6 km miglia dalla costa di fronte a S. Vito chietino, (parere positivo della Commissione V.I.A. a marzo 2015, in attesa del Decreto);
- Rospo mare, società Edison, 3-4 nuovi pozzi di estrazione a 20 km dalla costa di fronte a Vasto (Decreto di compatibilità ambientale emanato il 15 aprile 2015).
Praticamente è coperto tutto il fronte della costa teatina, con un progetto a nord (Elsa2), uno al centro (Ombrina) e uno al sud (Rospo mare). Insomma, il commissario governativo chiamato dallo stesso Ministero dell'Ambiente a varare il perimetro del parco nazionale della costa teatina rischia di far nascere un'area protetta con tanti buchi e trivelle attorno, un'idea piuttosto involuta di protezione dell'ambiente in salsa petrolifera.

Sono tutti progetti fermati nel 2010 dal Decreto Prestigiacomo che vietava nuovi progetti all'interno delle 12 miglia e rilanciato grazie al decreto “Passera” del Governo Monti nel 2012 che escludeva dall'applicazione del provvedimento i procedimenti in corso.
Il Decreto, a nostro avviso, contiene numerose criticità procedurali e di contenuto. A mero titolo di esempio:
- il parere del Comitato VIA considerato valido è quello rilasciato nel 2009, senza tener conto delle mutate condizioni ambientali e sociali;
- non viene considerato l'effetto cumulo con gli altri progetti;
- tutte queste procedure non sono state assoggettate a Valutazione Ambientale Strategica, con il paradosso che il Ministero dell'Ambiente la richiede al Governo Croato per le loro nuove concessioni in Adriatico e poi non applica la procedura a quelle di propria competenza;
- non è stato ripubblicato, come invece accaduto per Ombrina, il progetto per le osservazioni del pubblico alla procedura di V.I.A.-A.I.A. congiunta;
- l'analisi del rischio per gli incidenti non è stata esaminata dalla Commissione che però l'ha richiesta entro l'avvio dei lavori (quindi è riconosciuto come aspetto critico del progetto). Ma la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale così perde totalmente di significato, se gli elementi indispensabili per una corretta valutazione vengono rimandati alla fase esecutiva!

Riteniamo che la Regione Abruzzo e gli enti locali debbano immediatamente fare ricorso al Tribunale Amministrativo impugnando il decreto, tenendo bene a mente che ci sono 60 giorni di tempo dalla data di emanazione del provvedimento. Ai cittadini chiediamo di continuare a mobilitarsi per evitare un futuro color nero petrolio all'Adriatico».

QUI TUTTE LE INFORMAZIONI

redazione

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK