Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Altezze degli edifici: "Chi non sa leggere la sua scrittura, è un asino addirittura”. Smascherati.

Il duro attacco della maggioranza sul voto contrario dell'opposizione sui "grattacieli" alla marina

Condividi su:

Cosa chiedono i cittadini che ci eleggono? Serietà, credibilità, affidabilità e coerenza.

E cosa accede quando gli stessi cittadini scoprono che gli eletti fanno il gioco delle tre carte e mentono solo per far “caciara” e per prendere per i fondelli gli elettori?

Lo vedremo; ci si limita per ora, come abbiamo fatto anche qualche settimana fa a scoprire (con i documenti), la doppiezza ed il voltagabbanismo per opportunismo di qualcuno.

Non avendo veri motivi di opposizione, e impegnandosi a votare a favore delle trivelle nel nostro mare, e non sapendo più cosa dire, certa opposizione ha messo su la sceneggiata dei “grattacieli” (di cui mai la maggioranza ha parlato).

“No ai grattacieli; partiamo tutti per la battaglia contro i grattacieli” (certo più belli delle scempiaggini edilizie costruite sui marciapiedi negli ultimi 15 anni). E cosa si scopre????  MARCHESE AVEVA ABBRACCIATO LA CAUSA DELL’ARCHITETTURA VERTICALE GIÀ NEL 2004 CON LO STUDIO DI TRASFORMAZIONE URBANA DEL PROF. MASCARUCCI (PRESENTATO PROPRIO DA MARCHESE).

Alleghiamo le parti più divertenti dello studio fatto proprio da entrambe le giunte Marchese, in cui era sempre presente il consigliere favorevole alla trivelle: Luciano Cilli.  Recita Marchese nell’introduzione: “Le immagini inserite nella pubblicazione hanno diverse finalità: […] aumentare la comprensione delle problematiche future, proiettare l’attenzione verso i possibili scenari futuri. Un utile strumento per impostare le future politiche di intervento sul territorio”.

Come voleva intervenire Marchese & Co. sul territorio? Con le POLITICHE VERTICALI!! (pag. 34 dello studio)

A pagina 32 dello studio strategico – incaricato da Marchese e pagato dal Comune di San Salvo – troviamo l’esempio di espansione urbana secondo le amministrazioni passate: “SCHEMA DI DISTRIBUZIONE URBANA: LA MAGGIORE CONCENTRAZIONE DELLE CUBATURE RESIDENZIALI LASCIA PIU’ SPAZIO AL VERDE”.

Ed ancora a pagina 37 del medesimo studio: “E’ nostro intento svincolare l’area industriale rispetto al sistema urbano attraverso la definzione di un cuscinetto verde che […] nasce dalla possibilita DI VERTICALIZZARE E ADDENSARE LE CUBATURE CONSENTITE SULLA SUA SUPERFICIE”.

Infine per fare il modo di essere chiari nelle intenzioni e sulla volontà di abbracciare una vera politica dei grattacieli (questa volta si che vengono espressamente nominati), Marchese & Co. citano Le Corbusier  (pag. 38): QUESTE TORRI, COSTRUITE A LUNGA DISTANZA LE UNE DALLE ALTRE, DARANNO IN ALTEZZA CIO’ CHE FINO AD OGGI SI ESTENDEVA IN SUPERFICIE… AI PIEDI SI STENDONO I PARCHI… PARTENDO DA QUEL GRANDE EVENTO COSTRUTTIVO CHE E’ IL GRATTACIELO…..”.

Infine non mancano di fare propria anche il resto dell’idea della nostra città: “E’ tempo di ripudiare la forma attuale di città: cumuli di stabili ammucchiati, intreccio di strade, dove il piano di una casa apre le finestre su questo sudiciume”. (Grazie per la considerazione altissima della nostra Città).

SMASCHERATI! QUINDI DI COSA STANNO PARLANDO, ORA NEL 2016?

Smascherati sia coloro che hanno votato e pagato questo piano strategico, sia coloro che sono rimasti alla finestra per oltre 10 anni senza fiatare, ed oggi sono stati rianimati.

Dove eravate quando si spendevano fior di denarI per queste cose!

Grazie per l’esempio di coerenza politica ed amministrativa!!!

Grazie per l’esempio di quanto la VECCHIA politica sia disposta a tutto pur di farsi notare!

INSOMMA, NON POSSIAMO DAVVERO FIDARCI DI LORO!

E AVEVA RAGIONE QUEL CONSIGLIERE: PIÙ PARLANO E PIÙ SI INGUAIANO!!

L’unica attività di costoro è solo la denigrazione gratuita. E a pensare che sono stati eletti per far altro…

Condividi su:

Seguici su Facebook