Gli ex pazienti di Hussein devono temporaneamente pagare le medicine mutuabili

| di Maria Napolitano
| Categoria: Attualità
STAMPA

Il 31 gennaio 2019 è stato il primo giorno in cui il dottor Hussein è andato ufficialmente in pensione. Molti i disagi in cui si sono ritrovati i suoi ex pazienti e  i due sostituti Muzi e Festa, indicati in via provvisoria finchè non verrà nominato un nuovo sostituto dalla Azienda Sanitaria Locale Lanciano Vasto Chieti.

I pediatri di San Salvo hanno dei cosiddetti "massimali" ossia ognuno ha in carico il massimo numero di pazienti consentiti dalla legge, nella fattispecie ottocento. Il 30 gennaio i due pediatri in servizio hanno chiamato, a spese loro, una terza pediatra per gestire la situazione di emergenza. Ma nessuno dei tre era in grado di poter rilasciare una regolare ricetta rossa. Pertanto i pazienti si sono ritrovati a dover acquistare i medicinali che in altre situazioni erano mutuabili. Cifra che comunque verrà rimborsata nel momento in cui si porterà la ricetta. Una farmacista ha provato a chiedere spiegazioni al dottor Muzi e questi ha risposto che formalmente gli ex pazienti di Hussein non hanno un medico e quindi non è possibile rilasciare una ricetta rossa.

E' questa una situazione temporanea che dovrebbe rientrare entro la settimana prossima quando dovrebbe essere nominato un sostituto supplente finchè non si procederà alla nomina del sostituto titolare di servizio.

 

 

Maria Napolitano

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK