Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Carnevale di Scerni: saranno 13 i carri allegorici, quest'anno con i pupazzi animati

Condividi su:

Si respira aria di carnevale a Scerni. Ultimi giorni di preparativi per il carnevale che torna ad impazzare per le vie del paese, quest'anno alla 46esima edizione. Saranno ben 13 i carri allegorici che arricchiranno le sfilate in maschera. Impiega circa quattro mesi l'associazione "Carnevalari scernesi" , che tutte le sere si ritrova nei capannoni messi a disposizione dal Comune, per la realizzazione della tradizionale kermesse che prenderà il via martedì 5 marzo. E' lì che con cartapesta, polistirolo e colla vengono allestite e create le macchine da festa grazie alla maestria dei carristi dell'associazione. Tra le novità di quest’anno, l’introduzione della meccanizzazione.

“I carri diventano più sofisticati, per la prima volta i pupazzi saranno in movimento, mossi da pistoni idraulici”, racconta Ottavio Ubaldi, presidente dell’associazione “Carnevalari scernesi”. Per la realizzazione di un carro occorre il lavoro di una intera squadra composta da circa 20 persone. “Iniziamo a fine ottobre, dopo aver buttato giù delle idee e proposto progetti procediamo a plasmare e modellare le sculture”, continua. Tutto per un solo giorno, o due. Gli stessi carri infatti, verranno riposti e riportati a sfilare per il carnevale estivo, una delle manifestazioni di punta del calendario dell’estate scernese.

“E’ molto sentito in paese”, afferma Ottavio, “Si terrà il 7 agosto come lo scorso anno e i carri saranno gli stessi di adesso, solo illuminati dato che la sfilata sarà di sera”. Vari i temi protagonisti dell’edizione 2019. Ci sarà il carro a tema fiabesco, lungo addirittura 14 metri e alto 5, “E’ il carro dalle dimensioni più grandi fatto finora e che sicuramente aprirà la sfilata”, dice Ottavio.

A seguire l’ “Arca di Noè” dove i bambini saranno travestiti da diversi animali, i cartoni animati, il carro a tema “Grease” accompagnato da una macchina costruita interamente dal nulla, la “Famiglia Adams” con tanto di bara che si apre e da cui sbuca il defunto, la vedova che piange, i becchini, il prete e anche i finti manifesti funebri attaccati per le vie del paese. Tra questi anche un carro-denuncia contro il gioco d’azzardo e la dipendenza per sensibilizzare a uno dei temi più attuali della nostra società. Ad arricchire il corteo ci saranno la banda di Scerni, gli sbandieratori e le brasiliane in costume che animeranno la festa con musiche, coreografie e balletti per un totale di 15 soggetti allegorici.

“Sarà un carnevale molto più ricco rispetto agli anni passati”, sostiene Ottavio, “Realizzare i carri allegorici è un’attività che facciamo per piacere personale e anche per tramandare quella che è diventata ormai una tradizione”. La manifestazione registra ogni anno migliaia di presenze e richiama visitatori da tutto il circondario. “Voglio ringraziare a nome di tutta l’associazione tutti i volontari che in questi mesi hanno collaborato e l’amministrazione per averci messo a disposizione la rimessa comunale”, conclude Ottavio, “L’appuntamento è martedì grasso a partire dalle ore 15”.

Condividi su:

Seguici su Facebook