Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La giornata mondiale del libro e del diritto d'autore

Si celebra ogni 23 aprile grazie all'UNESCO

Condividi su:

Sulla base di una tradizione catalana, la 28a sessione della Conferenza Generale dell’UNESCO, riunita a Parigi, su proposta di 12 paesi fra cui Australia, Russia e Spagna, ha adottato la risoluzione 3.18 con la quale ha proclamato il 23 aprile di ogni anno “Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore”. L’obiettivo della Giornata è quello di incoraggiare a scoprire il piacere della lettura e a valorizzare il contributo che gli autori danno al progresso sociale e culturale dell’umanità.

Il 23 aprile è stato scelto in quanto è il giorno in cui sono morti nel 1616 tre importanti scrittori: lo spagnolo Miguel de Cervantes (1547-1616), l’inglese William Shakespeare (1564-1616) e il peruviano Inca Garcilaso de la Vega (1539-1616). In realtà, Cervantes e Garcilaso de la Vega sono morti il 23 aprile secondo il calendario gregoriano mentre Shakespeare è morto il 23 aprile secondo il calendario giuliano, all’epoca ancora in vigore in Inghilterra, e quindi dieci giorni dopo. L’apparente corrispondenza delle date si è rivelata una fortunata coincidenza per l’UNESCO.
Nello stesso giorno, oltre ad essere nato anche Shakespeare, sono nati il francese Maurice Druon (1918-2009), il russo Vladimir Nabokov (1899-1977), il colombiano Manuel Mejà­a Vallejo (1923-1998) e il premio nobel islandese Halldàr Laxness (1902-1998) ed è morto il catalano Josep Pla (1897-1981).

La Conferenza generale dell’UNESCO rende tributo mondiale a libri e autori in questa data, incoraggiando tutti, ed in particolare i giovani, a scoprire il piacere della lettura e mostrare un rinnovato rispetto per il contributo insostituibile di quelle persone che hanno promosso il progresso sociale e culturale dell’umanità. L’idea di questa celebrazione è nata in Catalogna, dove il 23 aprile, giorno di San Giorgio, una rosa viene tradizionalmente data come un dono per ogni libro venduto. Il successo Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore dipende principalmente del sostegno ricevuto da tutte le parti interessate (autori, editori, insegnanti, bibliotecari, istituzioni pubbliche e private, ONG umanitarie e mass media), che sono mobilitate in ogni paese dalle Commissioni Nazionali UNESCO, Club UNESCO, Centri e Associazioni, delle Scuole Associate e Biblioteche, e da tutti coloro che si sentono motivati a lavorare insieme per questa celebrazione.

Quest'anno, complice il coronavirus, si sono organizzati eventi online, come la maratona streaming promossa dalla Fondazione De Sanctis dalle 11 alle 18 di oggi sul sito del ministero dell'Istruzione. Parteciperanno alla diretta decine di autori, scrittori, attori di teatro e cinema, conduttori radio e tv: come Marino SinibaldiFabrizio GifuniClaudio Bisio, Corrado AugiasAlberto Melloni, Valeria ParrellaMatilda De AngelisAnna BonaiutoMichela Marzano e altri che leggeranno stralci dei loro libri preferiti e terranno compagnia a tutti gli spettatori.

Condividi su:

Seguici su Facebook