Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

San Salvo Democratica presenta un interpellanza per il prossimo Consiglio Comunale

Condividi su:

I consiglieri Comunali Angelo Angelucci, Domenico Di Stefano e Gabriele Marchese, del Gruppo Consiliare di San Salvo Democratica:

CONSTATATO che diversi operatori e con vari mezzi agiscono per la pulizia della spiaggia e per altri servizi di manutenzione e cura della città;

VALUTATO che vi sono mezzi della Protezione Civile e privati cittadini che lavorano a tal fine;

PRESO ATTO che nei tratti di spiaggia libera sono state installate delle torrette di avvistamento con annesso servizio di bagnino;

CONSIDERATO che vi sono servizi specialistici che vanno erogati da personale qualificato che deve avere l'iscrizione ai relativi albi professionali;

RITENUTO che vi sono regole e procedure di concorrenza e trasparenza per la gestione degli appalti che devono essere rispettate;

INTERPELLANO il Sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca, PER SAPERE

1) Quante e quali sono le imprese che operano per la pulizia della spiaggia e se per la loro individuazione è stata espletata regolare gara di appalto;

2) Dove sono stati smaltiti finora i rifiuti raccolti dalla spiaggia e se vi è un registro di carico e scarico degli stessi;

3) Qual'è l'impresa addetta al montaggio e allo smontaggio dei palchi per le manifestazioni estive e con quale procedura è stata individuata;

4) Qual'è l'impresa addetta all'irrigazione dei fiori, vasi e giardini e con quale criterio è stata scelta;

5) Quante e quali sono le imprese addette allo sfalcio delle erbe e alla manutenzione e cura delle rotonde;

6) Qual'è l'impresa che gestisce il nuovo servizio di salvamento nella spiaggia libera e se per la sua individuazione è stata espletata regolare gara di appalto;

7) Qual'è l'impresa che ha realizzato le torrette e con quale procedura sono state commissionate;

8) Quanti e quali altri servizi per la manutenzione e la cura della città sono stati affidati e se gli stessi sono stati concessi con gara pubblica o affidamento diretto;

9) Se le imprese affidatarie hanno i requisiti tecnico professionali necessari;

10) Se il Comune ha controllato che gli affidatari sono in regola con il DURC e se vengono rispettati i contratti di lavoro e tutti gli altri adempimenti necessari allo svolgimento delle attività.

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook