Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Allergie dovute ai pollini? No grazie

A marzo solitamente inizia l’impollinazione ma il brutto tempo darà un pò di sollievo

Condividi su:

In questo periodo tutti aspettano il ritorno delle giornate con il sole per uscire a fare una passeggiata e mandare in “pensione” cappotti, sciarpe,cappelli e ombrelli...tutti o quasi?

Con l’arrivo della primavera molti temono le allergie dovute all’impollinazione e già dall’inizio di marzo le farmacie e parafarmacie, iniziano a vendere antistaminici.

Quest’anno però coloro che si preparano possono essere più calmi e rilassati, perchè fino a fine marzo, nei comuni del vastese la pioggia e il freddo accompagneranno le giornate, portando così una “boccata d’aria fresca” a chi già era pronto a comprare scatole e scatole di fazzoletti.

Attualmente si stima che gli allergici in Italia rappresentino il 30-35% della popolazione: parliamo di oltre 20 milioni di persone che soffrono particolarmente per l’impollinazione di graminacee e cipressi.

Per rimediare a muco e continui starnuti gli esperti consigliano di lavare i capelli prima di andare a dormire, lavare le federe dei cuscini settimanalmente e restare in casa con le finestre chiuse nell’orario che va dalle 5.00 alle 10.00 del mattino. Inoltre la prevenzione delle allergie parte anche dal cibo, infatti, si consiglia di evitare farina bianca e derivati, uova, formaggi, insaccati e sostituire questi con uva passa, fichi e agrumi.

Condividi su:

Seguici su Facebook