Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Pubblico d'eccezione per la presentazione del libro di Vicoli

“Quando il Cagliari vinse lo scudetto... e la Juve tentò di rapire Gigi Riva”

Condividi su:

Nell'ambito di un progetto di "Lettura" portato avanti da un gruppo di volontari presso la Casa Lavoro di Vasto, a conclusione di questo anno, come premio di buona condotta alcuni internati hanno avuto la possibilità di trascorrere un tardo pomeriggio nel centro storico di Vasto.

Prima tappa, la sede di Maison Littéraire, Cenacolo culturale al civico 38 di corso Italia. Ad attendere gli internati, i volontari, la dott.ssa Giuseppina Rossi (educatrice della Casa Lavoro di Vasto), la scrittrice Anna Valeria Cipolla D'Abruzzo e la dirigente scolastica dottoressa Concetta Delle Donne, c'era Maurizio Vicoli, docente di lettere, appassionato di etica, filosofia politica e storia dei popoli che ha presentato il suo libro: “Quando il Cagliari vinse lo scudetto... e la Juve tentò di rapire Gigi Riva”.

Vicoli è diventato un tifoso del Cagliari grazie ad un amico d'infanzia più grande che tifava per questa squadra. Qualche anno fa ebbe l'idea di associare l'unica vittoria dello scudetto da parte del Cagliari calcio, con tutti quei cambiamenti sociali e legislativi che hanno attraversato quel periodo storico: il "68, le leggi sull'aborto e sul divorzio, la riforma del lavoro e dell'università, il Concilio Vaticano II e tutte le lotte e le conquiste sociali avvenute in quegli anni.

Per inglobare tutto questo Vicoli si è inventato un giallo che inizia con il macabro ritrovamento di un povero cadavere di un sindacalista che stava lavorando sulla legge della riforma del lavoro.

L'incontro con l'autore ha dato occasione di riflettere sulla differenza generazionale tra i giovani del "68 che sentivano forte il senso della ribellione contro il sistema e i giovani di oggi che sembrano quasi assopiti a ciò che c'è di sbagliato nella società. Delle Donne ha prospettato la possibuilità di mandare gli studenti non solo nei luoghi belli ma anche in quelli dove si vive la sofferenza.

Dopo la presentazione del libro, Fernando D'Annunzio, storico e poeta vastese nonchè uno dei volontari del gruppo lettura ha condotto la comitiva a fare un giro turistico nel centro storico di Vasto.

Condividi su:

Seguici su Facebook