Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Vinum et Cultura: un viaggio tra Wine House, workshop e dibattiti

La manifestazione si terrà dall’11 al 13 novembre. Sabato 8 ottobre il concerto di Nadine Carina

Condividi su:

Il prossimo sabato 8 ottobre il Museo Archeologico Civico ‘Porta della Terra’, a partire dalle 18.00, sarà la suggestiva location per l’anteprima di ‘Vinum et Cultura’ con il concerto di Nadine Carina, artista e cantante svizzera che chiuderà il suo tour proprio a San Salvo con un concerto a ingresso libero.

La manifestazione, organizzara con il patrocinio e la compartecipazione del comune di San Salvo, si terrà interamente nell’area corrispondente al Quadrilatero, si articolerà tra l’11 e il 13 novembre quando le migliori cantine d’Abruzzo saranno presenti nella nostra città per offrire la possibilità di degustare i propri prodotti contornando dibattiti, workshop e concerti, tutti volti ad ampliare ed approfondire la conoscenza di un prodotto così radicato nella nostra tradizione e nel nostro territorio come il vino. Verrà infatti creato un vero e proprio percorso che, nelle diverse Wine House allestite, attraverserà il nostro centro storico.

L’ARTISTA – Nadine Carina nasce a Locarno ed è una cantante/polistrumentista con uno stile vicino all’Indie-pop elettronico che talvolta tocca da vicino il folk e L'artista in una sua esibizionela musica anni ’50 arricchendo i generi con particolari sperimentazioni. Dalla piccola Svizzera Nadine si trasferisce in Inghilterra per studiare presso il Liverpool Institute of Performing Arts dove, dal 2011, incide diversi Ep e album.

A partire dal 2012 Nadine torna nel suo paese d’origine e alterna le sue performance tra il Regno Unito e la Svizzera esibendosi in contesti anche molto differenti tra loro.

La sua ultima fatica, dal titolo ‘Never Been to Heaven’ esce nel 2014 scritturato dall’etichetta svizzera Oh Sister Records.

Altra particolarità della musica di Nadine è insita nell’utilizzo di giocattoli d’epoca il cui suono viene mandato in ‘loop’ per creare una sorta di base strumentale, insieme a piccoli strumenti a percussione e ritmi di batteria elettronica.

Condividi su:

Seguici su Facebook