Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Nel secondo tempo contro il Francavilla, il San Salvo si è sbilanciato troppo avanti

La sconfitta per 1-0 non intacca la straordinaria stagione della squadra di Gallicchio-Di Vaira

Condividi su:

Con lo spareggio play off contro il Francavilla, il San Salvo è stato punito a tre minuti dal termine dei tempi regolamentari. Perdere così brucia. La vittoria giallorossa è stata orchestrata  e condotta in porto dal suo giocatore più titolato, Lalli (16 gol personali in questa stagione) non  nuovo a simili prodezze. Il bomber giallorosso, quando meno te l’aspetti, è capace di risolvere le partite con un guizzo. Infatti è partito dalla tre quarti di campo e con un numero da fuoriclasse si è presentato davanti a Cattenari, freddandolo impietosamente. Un gelo improvviso è calato sugli spalti del 'Bucci'. I tifosi biancazzurri sono rimasti ammutoliti.

La squadra biancazzurra non meritava di perdere una partita giocata con grande cuore. Il calcio è fatto così. I ragazzi di Di Vaira-Galicchio avrebbero potuto chiudere la partita nel  primo tempo, ma non sono stati precisi sotto porta. La squadra biancazzurra ha disputato un campionato straordinario. Un meraviglioso terzo posto in classifica, 61 punti e terza migliore difesa del campionato. Solo l’Avezzano e il Paterno, squadre impreziosite di giocatori di serie superiore, hanno potuto fare meglio.

Al termine della sfida con il Francavilla, i tifosi biancazzurri non hanno lesinato applausi ai giocatori e ai dirigenti biancazzurri. È mancato Luongo, uno dei migliori difensori del campionato. Con lui in difesa, difficilmente Lalli avrebbe avuto spazio per segnare. Comunque la squadra sansalvese con un po’ più di accortezza avrebbe sicuramente avuto il sopravvento sulla squadra di Del Grosso. Ai biancazzurri bastava il pareggio per la qualificazione al secondo turno. Perché i biancazzurri nel secondo tempo non hanno mantenuto  più a lungo il possesso del pallone? Perché  si sono  sbilanciati eccessivamente in avanti? Perché la marcatura su Lalli, uno degli attaccanti più prolifici e più pericolosi, non è stata rafforzata? Non è una critica al bravo allenatore Gallicchio. L’allenatore biancazzurro non ha fatto una stagione sufficiente, ha fatto miracoli. Purtroppo, non tutte le ciambelle riescono con il buco.

Condividi su:

Seguici su Facebook